footjob francais call girl montpellier

Vecchio uomo scopa tutto giorno un Maghrebino se masque versare baiser Francaise et maghrebino un la neige Maghrebino tour yasmine adjaziera Arabo cameriera stretta ovest asiat Anale con francese mulatta ragazza Shaina francese maghrebino in three Veiled arabo maghrebino segretament La maghrebino masquee jouie sans re Spiaggia maghrebino angelina, grati Jynx labirinto fare difficile profo Caldi puttana gioielli si sente il Paulina e morgan daddydy porno azio Jeune maghrebino sodomisee dans un Rita e judith maggiore ragazza su r Cette maghrebino se fait defoncer l Tailandese story- rak tonk ham Kimberly kane dito accoppia dylan r Gia steel scopata pitone come il re I l tuta une maghrebino dans la rue Belladonna succhiare il pene e ingo Mima e ferdinand oldman scopata att Ils baisent un fond une maghrebino Rimbalzo su il cazzo Alice e leonard oldman sesso vid Orientale arabo donne amore gruppo Sborra foro shagging per sexy pupa.

Abbie gatto ninfa avere collegato d Marina e monty daddydy xxx azione Bello fica filmed dentro partner mu Primo sesso per un cutie hentai rag Pubblico masturba in cartoni film Pubblico masturbazione in hentai fi Beurettes poilues sodomisees 1: Paffuto francese maghrebino - rayra Maghrebino francaise amatoriale Maggies lingerie has splattered inv Maghrebino gros clitoride Trapano me tenero Controllare tutto piccolo tunnel di Francese amatoriale beurs et beuret La maghrebino ne veut pas etre soum Maghrebino algerienne anale Beurettes experimentees parte 3 Maghrebino un gros seins bien encul Matura furry e pollastrella maghreb Giovanissima darina scopata brutalm Francese arabo maghrebino djaya ana Caroline e morgan bambola e papà vi Maghrebino gonzo - ca demenage 1: Maghrebino in un gangbang Naturalmente si tratta di un modello matematico e non di un prototipo del marchingegno fantastico partorito dalla fantasia di Herbert George Wells.

Per tradurla in realtà, a sentir gli autori, sarabbe necessaria una certa "materia esotica" , che è tuttavia impossibile a trovarsi e, soprattutto, se anche si riuscisse a trovarla, non sarebbe manipolabile da esseri umani. Queste sono le mie obiezioni ai concetti sostenuti dagli autori: Dovrebbe rimanere intrappolato per sempre in una tremenda condizione di prigionia? Quando ho letto non ci volevo credere: Life outside the bubble is grey and drab, and dresses like a school teacher from the 's".

Certo, è umorismo, non qualcosa di serio. Inesistenza di vera retrocausalità. Più che l'attraversamento di una regione acausale, il loop descritto da Tippett-Tsang rimanda al concetto di self-fulfilling prophecy , descritto come una forma di retrocausalità. In realtà la cosa mi lascia profondamente scettico. Detto questo, persino il concetto di self-fulfilling prophecy è critico e va maneggiato con cura. Nella realtà in cui viviamo, una vera e propria retrocausalità non esiste.

In altre parole, ogni apparente eccezione sarebbe un evento che non sfugge alla catena casuale in cui l'effetto segue la causa. Questa è la sequenza: La proposizione si realizza effetto di c 3. La causa c 1 non è una profezia in quanto colui che pronuncia la proposizione non prevede davvero il futuro, non ha su di esso uno sguardo privilegiato: Se si afferma il contrario, serve dimostrazione inconfutabile.

Per avere retrocausalità si dovrebbe provare che l'autore della profezia ha realmente visto il futuro in atto, che esisterebbe indipendentemente dal presente B-eternismo. Tuttavia questa dimostrazione ci appare impossibile.

Ovviamente la prova di un caso di vera retrocausalità è a carico di chi ne afferma l'esistenza. Bellissime le equazioni, bellissime le metriche. A dispetto di questo, reputo lo studio ozioso e viziato dall'impossibilità di ogni essere umano di distaccarsi dal tempo che definisce la sua esistenza.

In quest'ottica, l'attimo presente non si troverebbe in alcuna posizione di privilegio rispetto agli attimi passati e futuri, che sono tutti dotati della stessa realtà. Mentre scrivo, Williams è ancora uno studente graduato, eppure è già diventato un missionario della Setta dei B-Eternisti, fanaticamente convinto della natura soggettiva dello scorrere del tempo. Già nella descrizione del contenuto del suo breve articolo, egli sostiene di voler argomentare che la narrazione eternista del tempo è corretta e che è la più compatibile con la fisica e con il sé.

Questa cruciale dimostrazione, a sentir lui, sarebbe contenuta - incredibile dictu - in sette pagine. Egli afferma quanto segue: Premesso che non ho in tasca una risposta definitiva e inconfutabile alla delicatissima questione dell'ontologia temporale, devo dire di essere molto scettico sulle teorie B-eterniste.

La questione non sarà certo risolta da un post, come non lo è dall'articolo di Williams, ma ho alcune obiezioni, che a quanto pare non sono state mosse in alcun contesto accademico, o almeno non sono riuscito a trovarne traccia. La soggettività della percezione del flusso temporale è confusa da Williams, come già da Gödel e da Einstein, con l'assenza di ontologia del flusso stesso.

Nella mente dell'autore non è chiara la differenza: Affermazioni gravissime per le conseguenze che comportano. Albert si porta alle labbra il bicchierino istante t 3: Albert ingerisce l'acido cianidrico istante t 4: Non c'è alcuna soggettività nel flusso che porta dall'istante t 1 all'istante t 4.

In ogni caso, quale che sia la percezione di Albert, varrà la proposizione seguente: Non è possibile invertire questi istanti. Se immaginiamo che il tempo abbia origine in un universo statico, ecco che le nostre sequenze dotate di senso causalità , ne sarebbero prive nell'universo d'origine.

Dovremmo presupporre un disegnatore paranoico che dispone in ordine quadri ritraenti leoni predanti e gazzelle fuggenti, al fine di creare una specie di cartone animato - che è la realtà in cui viviamo!

E codesto disegnatore da dove trarrebbe ispirazione per creare o plasmare e disporre in ordine i quadretti in questione? Trarrebbe ispirazione da un altro universo più grande del nostro? E tale universo, da dove trarrebbe a sua volta la sua origine? Dato che questo disegnatore dovrebbe agire, sarebbe lui stesso sottoposto al divenire, al passaggio da una configurazione a un'altra. E il suo "tempo" , da dove trarrebbe origine? Se affermassimo che gli eventi esistono indipendentemente dalla loro collocazione in quello che chiamiamo "tempo" , allora l'intero corso della storia dell'Universo esisterebbe da sempre e per sempre, o meglio, nell' eternità.

Resta allora da capire cosa significherebbe mai questo immane quadro definito al di fuori di quello che percepiamo come "flusso". Sarebbe un affresco scoordinato di proporzioni inconcepibili, che comprende tanto i dinosauri quanto il contesto in cui Cicciolina ha preso in bocca i suoi primi uccelli, ricevendo i suoi primi carichi spermatici.

Mentre noi potremmo, a patto di disporre delle informazioni necessarie, tracciare una cronistoria degli eventi che dai dinosauri hanno portato a Cicciolina nel corso di milioni di anni, Williams e i suoi consimili non ci possono riuscire, in quanto negano il principio stesso di causa-effetto per affermare una forma radicale di monadismo in cui ogni configurazione a noi nota come "istante" è scollegata da tutte le altre.

Come impedire la moltiplicazione infinita dell'universo fisico? Possiamo evidenziare un grande paradosso. Il mondo scientifico usa in modo disinvolto il Rasoio di Occam per radere ogni possibile complessità che non vuole accettare, come quando ad esempio riduce l'autocoscienza alla neurochimica, per poi negare lo stesso Rasoio di Occam quando si tira in ballo lo studio della natura del tempo!

Per quanto la Scienza dia segno di allinearsi al B-eternismo, non posso fare a meno di rilevare in questa teoria la presenza di bachi pseudoscientifici.

Come gli pseudoscienziati, anche i seguaci di questa teoria pertono dalle conclusioni "il tempo non esiste" e raccolgono quelle che ritengono evidenze in grado di dare conferma al loro pregiudizio. Il fatto che Einstein fosse un logico rigoroso nell'enunciare teorie come la relatività ristretta e la relatività generale, non implica che fosse immune da errori anche gravi quando si avventurava nel campo minato dell'ontologia temporale.

In questo caso partiva da un dogma, procedendo come i moderni anti-vax. Come l'eternismo non tensionale possa conciliare questo spaventoso marasma, il nostro Williams non ce lo dice. Su Ted Bundy sono stati scritti decine di articoli e svariati libri. Ogni aspetto della sua esistenza è stato scandagliato con cura.

Televisione e cinema si sono occupati di lui in più occasioni. Bundy fu giustiziato sulla sedia elettrica il 24 gennaio nel penitenziario di Starke, Florida.

Per quale ragione, a distanza di decenni, si continua a parlare di lui? Le sue orrende perversioni, i suoi atti di ferocia, sono tanto più sconvolgenti in quanto sfuggono alle categorie abitualmente utilizzate dagli esperti per razionalizzare questi eventi.

Accantonata questa pretesa, adottato un approccio sobrio e realistico, si potranno, non di meno, ricavare da tale ricognizione elementi utili a consentire una migliore conoscenza del suo profilo. Il 6 ottobre , Louise chiese ed ottenne da un tribunale di Philadelphia che il proprio cognome fosse cambiato in Nelson. La donna non desiderava che suo figlio fosse preso in giro avendo il medesimo cognome del prozio, Jack Cowell.

I due si sposarono in quello stesso anno. La coppia ebbe quattro figli. Questa tesi non è condivisa da altri autori, secondo i quali la scoperta avvenne più tardi.

Gli anni della scuola non furono contrassegnati da eventi eclatanti. Ted era un giovane di aspetto gradevole e per questa ragione benvoluto dalle coetanee.

Il fascino che esercitava sulle donne crebbe col trascorrere degli anni. Li accomunava la passione per lo sci. Sembra che, per pagarsi i dispendiosi fine settimana in montagna, Bundy commettesse non pochi furtarelli. La propensione al furto fu una costante della sua vita scellerata. Le differenze di classe sociale fra i due ebbero un ruolo non lieve nel determinare la fine della relazione, il cui naufragio fu parallelo a quello della carriera universitaria di Bundy.

Questi, nel , decise di interrompere gli studi. Durante la campagna elettorale fece da autista e guardia del corpo per Fletcher. Nella nota intervista resa il 24 gennaio al dr. Dobson, Bundy disse al riguardo: Noi bambini eravamo lo scopo principale delle loro vite. Andavamo regolarmente in chiesa. Da ragazzino, intorno ai anni, scoprii la pornografia softcore all'interno dei drugstore [esercizi commerciali in cui si vendono riviste, cosmetici e alimentari, ndr].

A volte vi trovavamo riviste pornografiche più hard di quelle reperibili nei drugstore, inclusi i "detective magazine". La più dannosa forma di pornografia — e parlo sulla base della dura esperienza personale — è quella che coinvolge la violenza, sessuale e non. La combinazione fra queste due forze, come so sin troppo bene, conduce ad atti che sono troppi terribili da descrivere.

Non sto dando la colpa alla pornografia. Non è questo il punto. Il punto è in quale modo questo genere di letteratura contribuisca ed aiuti a plasmare e influenzare simili condotte violente. Con una donna al suo fianco e una laurea in tasca, Bundy decise di puntare di nuovo sulla politica per coronare le proprie ambizioni.

Si mise a disposizione del candidato governatore repubblicano Daniel J. Evans, per il quale funse da informatore: Ad Evans le cose andarono meglio che a Fletcher. Nel medesimo periodo, degli escursionisti rinvennero resti umani in un bosco nello Stato di Washington, in seguito identificati come appartenenti a donne scomparse.

Nel uccise tre giovani donne in Colorado, la prima delle quali, Caryn Campbell, madre di due bambini. Nel mese di agosto fu fermato per guida pericolosa da una pattuglia della stradale, a Salt Lake City. Nel bagagliaio della sua Volkswagen furono ritrovati: I poliziotti constatarono inoltre che il sedile anteriore del passeggero era stato rimosso. Bundy fu tratto in arresto. In Colorado di verificarono due episodi a dir poco incresciosi: Gli furono tolte le manette affinché potesse prendere senza difficoltà i libri dagli scaffali.

Venne immediatamente ricondotto al carcere della contea di Garfield. Per potersi introdurre nello stretto varco si sottopose a una dieta ferrea, perdendo parecchi chili. La sua fuga fu scoperta 17 ore più tardi.

Bundy, che in quel lasso di tempo aveva rubato un automobile, si trovava già a Chicago. Servendosi di carte di credito rubate, pagava le consumazioni presso i bar del college. Per ingannare il tempo assisteva alle conferenze. Una settimana dopo il suo arrivo a Tallahassee, Bundy commise uno dei suoi crimini più nefandi. In preda a una furia selvaggia, morse ripetutamente una delle due. Bundy era un necrofilo: Nei giorni successivi al delitto, Bundy tornava nei boschi per copulare nuovamente con la vittima.

Queste pratiche cessavano solo nel momento in cui il cadavere cominciava ad esalare nauseabondi lezzi putrefattivi. Nella propria abitazione, dopo aver applicato rossetto e fondotinta alla testa mozzata, se ne serviva sessualmente.

Non ho mai creduto che la gente nasca malvagia, e ancora non voglio crederci, ma ho cambiato opinione dopo aver trascorso quattro-cinque anni lavorando con Ted. Ted era nato malvagio, era semplicemente malvagio. Sullivan, The Bundy Murders: Ocker, The New England Grimpedium.

Dekle Sr, The Last Murder: Michaud, Hugh Aynesworth, Ted Bundy: Conversations with a Killer. Richiamo l'attenzione su un interessante articolo di Riza C. Berkan, apparso su linkedin. Ne riporto un estratto significativo. Many things are unknown about the inner workings of the human brain.

However, one thing is quite sure that the memory is associative, distributed to a large number of neurons like billions of them. In other words, memory is not like mailboxes each filled with a number, word, or image.

Even if you could miraculously hook up a chip to billions of neurons in the brain, you will not access to any meaningful data. All you will see is weak electrical signals traversing through massive number of connections. So, what has been chased here is a mystery. It would be utterly shortsided if this simple fact has not been communicated to the investors of this project. But, we can only speculate at this point. Quello che Berkan ci tiene a puntualizzare, mostrandosi molto critico sulle idee di Musk, è un dato di fatto innegabile: Se anche poi voi apprendeste in seguito che nella lingua aliena MILANU significa "immaginazione" , voi continuereste ad associarla a Milano ogni volta che il suo suono giungesse alle vostre orecchie.

Ora immaginiamo che in un dialetto italiano la città di Milano sia chiamata MILANU , e che la prosodia sia identica a quella usata dall'extraterrestre nel pronunciare l'omonima parola della sua lingua col senso di "immaginazione". Il quadro è il seguente: Elon Musk queste cose non le vuole capire, sembra che non ne sia in grado, neppure se messo di fronte all'evidenza. Ricordiamo infine che non esiste nessun modo di far capire a una macchina che MILANU - che sia la parola dialettale o quella aliena - assomiglia in qualche modo all'italiano MILANO, a parte fabbricare un programma specifico di associazione per emulare e rendere operativo un concetto estraneo all'universo cibernetico.

Luciano Pigozzi Effetti speciali: Siamo a Toronto negli anni '70, epoca in cui furoreggiavano le peggiori storture psicologiche.

Il dottor Raglan dirige una clinica psichiatrica di avanguardia, il Somafree Institute , dove sperimenta sui suoi pazienti una terapia chiamata "psicoplasmia". Si potrebbe definire questo trattamento come una forma di vivisezione dell'anima, anche se si accompagna volentieri a maltrattamenti fisici. In pratica lo psichiatra demoniaco sottopone i poveri sofferenti a tremende sedute in cui li tagliuzza vilmente nei punti più deboli, fino a straziarli.

Lo scopo di questa tortura sarebbe quella di rimuovere le turbe aggressive, non si sa bene secondo quale principio.

Frank Carveth è un uomo di mezza età la cui moglie, Nola, è sotto rigido trattamento da parte di Raglan. Candice, la figlia della coppia, è esposta al malsano ambiente della clinica e ne ha grave nocumento.

Frank, esasperato, prende con sé la figlia e la porta da Juliana, sua suocera. A questo punto fa irruzione nella narrativa il diabolus ex machina , ossia l'uccisione di Juliana ad opera di una mostruosa creatura umanoide, piccola ma sommamente aggressiva, che la riduce in poltiglia sanguinolenta.

Ruth Mayer, la maestra della figlia di Frank, viene massacrata a martellate da esseri identici a quello che ha ucciso Juliana. Questo è solo l'inizio di un incubo agghiacciante, che porterà Frank a scoprire qualcosa di tremendo oltre ogni umana immaginazione: Un film assolutamente geniale e al contempo profetico. Sconvolgenti esiti di un esame autottico. La creatura mostruosa sottoposta ad autopsia presentava peculiarità incompatibili con un'origine umana.

Innanzitutto gli occhi, sprovvisti di retina. Gli stimoli visivi giungevano direttamente sul nervo ottico. L'apparato digenerente non era da meno. La lingua tumefatta impediva la deglutizione, cosicché il nano malefico non avrebbe potuto mangiare né bere nulla.

Per nutrirsi si serviva di una sacca contenuta del ventre, residuo del processo di embriogenesi, che conteneva una gran quantità di nutrienti iperconcentrati affini al tuorlo d'uovo, destinati ad essere assorbiti direttamente nel circolo sanguigno.

Una volta terminato quel "combustibile", l'essere aberrante incorreva in un rapido processo di consunzione, finendo col morire all'improvviso. Non vi era traccia alcuna dell'ombelico e non esisteva neppure un abbozzo di organi genitali. Il pube era piatto e imperforato come quello di una bambola. A quanto pare mancava anche l'orifizio anale. Evidentemente l'entropia veniva smaltita tramite la pelle, facendo trasudare le scorie del metabolismo.

Seguendo le mie conoscenze di biologia, posso garantire che simili peculiarità possono essere definte soltanto come aliene. In altre parole, non siamo di fronte a un prodotto della Natura. Spiegazione della genesi della covata. Le creature sono parassitoidi. Si tratta di un'arma genetica, proprio come gli xenomorfi della serie di Alien. Sono neomorfi a tutti gli effetti: Lo si capisce benissimo dal loro funzionamento, descritto con precisione nel film.

Il contaminante genetico entra attraverso la pelle e induce la formazione di masse tumorali simili a papule e di un vero e proprio utero preternaturale, che produce senza sosta nuova covata. A differenza delle creature concepite da H. Giger e sviluppate da Ridley Scott, questi parassitoidi non sono necrogeni. L'ospite dal cui corpo si origina l'utero preternaturale non muore, ma continua a dare origine a nuove creature, con cui mantiene una sorta di contatto telepatico. Una cosa un po' simile a questo singolare rapporto tra parassitoide e ospite esiste anche in Natura: Dettagli tecnici della xenogenesi.

Il processo di xenogenesi consiste nella riscrittura del DNA dell'ospite, ossia nella sua traduzione in XNA e nella sua riorganizzazione. Le creature neomorfe, nate dall'acido xenonucleico, attaccano qualsiasi creatura fatta di DNA naturale. Questo è un estratto della pagina del sito Xenopedia che tratta dell'accelerante genetico noto come Black Goo: Once exposed to another organism, the virus begins mutating its host by rewriting their DNA.

The host becomes exceedingly aggressive and seemingly mindless as it attacks any living thing in sight. Si noterà che questi dettagli sono stati chiariti da William Gibson per il film Covenant di Ridley Scott. Prima della meritoria opera di Gibson, semplicemente non era accessibile al pubblico alcun chiaro concetto di xenogenesi.

Quando vedemmo Alien e gli altri film della serie, ci cullammo a lungo nell'illusione: Con Prometheus ci rendemmo conto che gli xenomorfi traggono la loro origine da una contaminante genetico, ma ancora non ci era chiara la sua azione. Non esito a dirlo. Il professor Raglan potrà anche raccontare tutte le baggianate che vuole sulla fantomatica "psicoplasmia" e sul corpo plasmato dalla mente, ma a me non inganna.

Egli ha messo le mani su un bidone di patogeno fatto di DNA artificiale XNA e ha contaminato scientemente i propri pazienti. Da dove poi abbia tratto questo bidone non lo sappiamo e non lo sapremo mai.

Footjob francais call girl montpellier -

La sua pelle sarebbe unta e cosparsa di abrasioni - in particolare quella dei piedi, che sarebbe spessa e dura come il cuoio, oltre che sudicia e nera come la pece. Bundy era un necrofilo: Gros cul de maghrebino 9, gratis gr Maghrebino suce dehors footjob francais call girl montpellier Bello il titolo italiano, per il resto c'è poco da salvare Alla base del loro articolo, che ha qualcosa dell'incredibile, sta infatti la confusione tra due concetti: Si noterà che questi dettagli sono stati chiariti da William Gibson per il film Covenant di Ridley Scott. Il titolo originale del film mostra un gioco di parole. Il contaminante genetico entra attraverso la pelle e induce la formazione di masse tumorali simili a papule e di un vero e proprio utero preternaturale, che produce senza sosta nuova covata. Jeune maghrebino sodomisee dans un

: Footjob francais call girl montpellier

PHOTO COUGAR NUE ESCORT MONTAUBAN Video massage lesbienne escort martigues
Footjob francais call girl montpellier Fille nue sexy wannonce albi
Beurette amatrice misstic lens 668
Footjob francais call girl montpellier Gli furono tolte le manette affinché potesse prendere senza difficoltà i libri dagli scaffali. Il piano originale delle infermiere prevedeva di usare il prigioniero come stallone da monta per ingravidare un certo numero di donne fertili del loro distretto, ma queste erano proprio quelle catturate dalle rane mutanti! However, one thing is quite sure that the memory is associative, distributed to a large number of neurons like billions of. Maghrebino arabo blinded cazzo con Francese arabo maghrebino djaya ana
VIDÉO ÉROTIQUE GRATUITE ESCORT EURE ET LOIRE 357

Il mio moglie maghrebino pecorina c Maghrebino arabo blinded cazzo con Maghrebino scopa grande moroccan ca La grange de mouloud Maghrebino suce dehors Maghrebino arabo prise dans une tou Vieille maghrebino baise it cachett Bella piccola maghrebino soubrette Jeune maghrebino grave prise it rad Arabo hijab mogli preferire il gran Meravigliosa faccia bella e grassa La maghrebino baise avec 2 gars it Vecchio uomo scopa tutto giorno un Maghrebino se masque versare baiser Francaise et maghrebino un la neige Maghrebino tour yasmine adjaziera Arabo cameriera stretta ovest asiat Anale con francese mulatta ragazza Shaina francese maghrebino in three Veiled arabo maghrebino segretament La maghrebino masquee jouie sans re Spiaggia maghrebino angelina, grati Jynx labirinto fare difficile profo Caldi puttana gioielli si sente il Paulina e morgan daddydy porno azio Jeune maghrebino sodomisee dans un Rita e judith maggiore ragazza su r Cette maghrebino se fait defoncer l Tailandese story- rak tonk ham Kimberly kane dito accoppia dylan r Gia steel scopata pitone come il re I l tuta une maghrebino dans la rue Belladonna succhiare il pene e ingo Mima e ferdinand oldman scopata att Ils baisent un fond une maghrebino Rimbalzo su il cazzo Alice e leonard oldman sesso vid Orientale arabo donne amore gruppo Sborra foro shagging per sexy pupa.

Abbie gatto ninfa avere collegato d Marina e monty daddydy xxx azione Bello fica filmed dentro partner mu Primo sesso per un cutie hentai rag Pubblico masturba in cartoni film Pubblico masturbazione in hentai fi Beurettes poilues sodomisees 1: Paffuto francese maghrebino - rayra Maghrebino francaise amatoriale Maggies lingerie has splattered inv Maghrebino gros clitoride Trapano me tenero Trarrebbe ispirazione da un altro universo più grande del nostro?

E tale universo, da dove trarrebbe a sua volta la sua origine? Dato che questo disegnatore dovrebbe agire, sarebbe lui stesso sottoposto al divenire, al passaggio da una configurazione a un'altra. E il suo "tempo" , da dove trarrebbe origine? Se affermassimo che gli eventi esistono indipendentemente dalla loro collocazione in quello che chiamiamo "tempo" , allora l'intero corso della storia dell'Universo esisterebbe da sempre e per sempre, o meglio, nell' eternità.

Resta allora da capire cosa significherebbe mai questo immane quadro definito al di fuori di quello che percepiamo come "flusso". Sarebbe un affresco scoordinato di proporzioni inconcepibili, che comprende tanto i dinosauri quanto il contesto in cui Cicciolina ha preso in bocca i suoi primi uccelli, ricevendo i suoi primi carichi spermatici. Mentre noi potremmo, a patto di disporre delle informazioni necessarie, tracciare una cronistoria degli eventi che dai dinosauri hanno portato a Cicciolina nel corso di milioni di anni, Williams e i suoi consimili non ci possono riuscire, in quanto negano il principio stesso di causa-effetto per affermare una forma radicale di monadismo in cui ogni configurazione a noi nota come "istante" è scollegata da tutte le altre.

Come impedire la moltiplicazione infinita dell'universo fisico? Possiamo evidenziare un grande paradosso. Il mondo scientifico usa in modo disinvolto il Rasoio di Occam per radere ogni possibile complessità che non vuole accettare, come quando ad esempio riduce l'autocoscienza alla neurochimica, per poi negare lo stesso Rasoio di Occam quando si tira in ballo lo studio della natura del tempo! Per quanto la Scienza dia segno di allinearsi al B-eternismo, non posso fare a meno di rilevare in questa teoria la presenza di bachi pseudoscientifici.

Come gli pseudoscienziati, anche i seguaci di questa teoria pertono dalle conclusioni "il tempo non esiste" e raccolgono quelle che ritengono evidenze in grado di dare conferma al loro pregiudizio. Il fatto che Einstein fosse un logico rigoroso nell'enunciare teorie come la relatività ristretta e la relatività generale, non implica che fosse immune da errori anche gravi quando si avventurava nel campo minato dell'ontologia temporale.

In questo caso partiva da un dogma, procedendo come i moderni anti-vax. Come l'eternismo non tensionale possa conciliare questo spaventoso marasma, il nostro Williams non ce lo dice. Su Ted Bundy sono stati scritti decine di articoli e svariati libri.

Ogni aspetto della sua esistenza è stato scandagliato con cura. Televisione e cinema si sono occupati di lui in più occasioni. Bundy fu giustiziato sulla sedia elettrica il 24 gennaio nel penitenziario di Starke, Florida. Per quale ragione, a distanza di decenni, si continua a parlare di lui? Le sue orrende perversioni, i suoi atti di ferocia, sono tanto più sconvolgenti in quanto sfuggono alle categorie abitualmente utilizzate dagli esperti per razionalizzare questi eventi.

Accantonata questa pretesa, adottato un approccio sobrio e realistico, si potranno, non di meno, ricavare da tale ricognizione elementi utili a consentire una migliore conoscenza del suo profilo. Il 6 ottobre , Louise chiese ed ottenne da un tribunale di Philadelphia che il proprio cognome fosse cambiato in Nelson.

La donna non desiderava che suo figlio fosse preso in giro avendo il medesimo cognome del prozio, Jack Cowell. I due si sposarono in quello stesso anno. La coppia ebbe quattro figli. Questa tesi non è condivisa da altri autori, secondo i quali la scoperta avvenne più tardi. Gli anni della scuola non furono contrassegnati da eventi eclatanti. Ted era un giovane di aspetto gradevole e per questa ragione benvoluto dalle coetanee.

Il fascino che esercitava sulle donne crebbe col trascorrere degli anni. Li accomunava la passione per lo sci. Sembra che, per pagarsi i dispendiosi fine settimana in montagna, Bundy commettesse non pochi furtarelli. La propensione al furto fu una costante della sua vita scellerata. Le differenze di classe sociale fra i due ebbero un ruolo non lieve nel determinare la fine della relazione, il cui naufragio fu parallelo a quello della carriera universitaria di Bundy.

Questi, nel , decise di interrompere gli studi. Durante la campagna elettorale fece da autista e guardia del corpo per Fletcher. Nella nota intervista resa il 24 gennaio al dr.

Dobson, Bundy disse al riguardo: Noi bambini eravamo lo scopo principale delle loro vite. Andavamo regolarmente in chiesa. Da ragazzino, intorno ai anni, scoprii la pornografia softcore all'interno dei drugstore [esercizi commerciali in cui si vendono riviste, cosmetici e alimentari, ndr]. A volte vi trovavamo riviste pornografiche più hard di quelle reperibili nei drugstore, inclusi i "detective magazine".

La più dannosa forma di pornografia — e parlo sulla base della dura esperienza personale — è quella che coinvolge la violenza, sessuale e non. La combinazione fra queste due forze, come so sin troppo bene, conduce ad atti che sono troppi terribili da descrivere. Non sto dando la colpa alla pornografia. Non è questo il punto. Il punto è in quale modo questo genere di letteratura contribuisca ed aiuti a plasmare e influenzare simili condotte violente. Con una donna al suo fianco e una laurea in tasca, Bundy decise di puntare di nuovo sulla politica per coronare le proprie ambizioni.

Si mise a disposizione del candidato governatore repubblicano Daniel J. Evans, per il quale funse da informatore: Ad Evans le cose andarono meglio che a Fletcher. Nel medesimo periodo, degli escursionisti rinvennero resti umani in un bosco nello Stato di Washington, in seguito identificati come appartenenti a donne scomparse.

Nel uccise tre giovani donne in Colorado, la prima delle quali, Caryn Campbell, madre di due bambini. Nel mese di agosto fu fermato per guida pericolosa da una pattuglia della stradale, a Salt Lake City.

Nel bagagliaio della sua Volkswagen furono ritrovati: I poliziotti constatarono inoltre che il sedile anteriore del passeggero era stato rimosso. Bundy fu tratto in arresto.

In Colorado di verificarono due episodi a dir poco incresciosi: Gli furono tolte le manette affinché potesse prendere senza difficoltà i libri dagli scaffali. Venne immediatamente ricondotto al carcere della contea di Garfield. Per potersi introdurre nello stretto varco si sottopose a una dieta ferrea, perdendo parecchi chili.

La sua fuga fu scoperta 17 ore più tardi. Bundy, che in quel lasso di tempo aveva rubato un automobile, si trovava già a Chicago. Servendosi di carte di credito rubate, pagava le consumazioni presso i bar del college. Per ingannare il tempo assisteva alle conferenze.

Una settimana dopo il suo arrivo a Tallahassee, Bundy commise uno dei suoi crimini più nefandi. In preda a una furia selvaggia, morse ripetutamente una delle due. Bundy era un necrofilo: Nei giorni successivi al delitto, Bundy tornava nei boschi per copulare nuovamente con la vittima. Queste pratiche cessavano solo nel momento in cui il cadavere cominciava ad esalare nauseabondi lezzi putrefattivi.

Nella propria abitazione, dopo aver applicato rossetto e fondotinta alla testa mozzata, se ne serviva sessualmente. Non ho mai creduto che la gente nasca malvagia, e ancora non voglio crederci, ma ho cambiato opinione dopo aver trascorso quattro-cinque anni lavorando con Ted. Ted era nato malvagio, era semplicemente malvagio. Sullivan, The Bundy Murders: Ocker, The New England Grimpedium.

Dekle Sr, The Last Murder: Michaud, Hugh Aynesworth, Ted Bundy: Conversations with a Killer. Richiamo l'attenzione su un interessante articolo di Riza C.

Berkan, apparso su linkedin. Ne riporto un estratto significativo. Many things are unknown about the inner workings of the human brain. However, one thing is quite sure that the memory is associative, distributed to a large number of neurons like billions of them.

In other words, memory is not like mailboxes each filled with a number, word, or image. Even if you could miraculously hook up a chip to billions of neurons in the brain, you will not access to any meaningful data. All you will see is weak electrical signals traversing through massive number of connections. So, what has been chased here is a mystery.

It would be utterly shortsided if this simple fact has not been communicated to the investors of this project. But, we can only speculate at this point. Quello che Berkan ci tiene a puntualizzare, mostrandosi molto critico sulle idee di Musk, è un dato di fatto innegabile: Se anche poi voi apprendeste in seguito che nella lingua aliena MILANU significa "immaginazione" , voi continuereste ad associarla a Milano ogni volta che il suo suono giungesse alle vostre orecchie.

Ora immaginiamo che in un dialetto italiano la città di Milano sia chiamata MILANU , e che la prosodia sia identica a quella usata dall'extraterrestre nel pronunciare l'omonima parola della sua lingua col senso di "immaginazione". Il quadro è il seguente: Elon Musk queste cose non le vuole capire, sembra che non ne sia in grado, neppure se messo di fronte all'evidenza. Ricordiamo infine che non esiste nessun modo di far capire a una macchina che MILANU - che sia la parola dialettale o quella aliena - assomiglia in qualche modo all'italiano MILANO, a parte fabbricare un programma specifico di associazione per emulare e rendere operativo un concetto estraneo all'universo cibernetico.

Luciano Pigozzi Effetti speciali: Siamo a Toronto negli anni '70, epoca in cui furoreggiavano le peggiori storture psicologiche. Il dottor Raglan dirige una clinica psichiatrica di avanguardia, il Somafree Institute , dove sperimenta sui suoi pazienti una terapia chiamata "psicoplasmia".

Si potrebbe definire questo trattamento come una forma di vivisezione dell'anima, anche se si accompagna volentieri a maltrattamenti fisici.

In pratica lo psichiatra demoniaco sottopone i poveri sofferenti a tremende sedute in cui li tagliuzza vilmente nei punti più deboli, fino a straziarli. Lo scopo di questa tortura sarebbe quella di rimuovere le turbe aggressive, non si sa bene secondo quale principio. Frank Carveth è un uomo di mezza età la cui moglie, Nola, è sotto rigido trattamento da parte di Raglan. Candice, la figlia della coppia, è esposta al malsano ambiente della clinica e ne ha grave nocumento.

Frank, esasperato, prende con sé la figlia e la porta da Juliana, sua suocera. A questo punto fa irruzione nella narrativa il diabolus ex machina , ossia l'uccisione di Juliana ad opera di una mostruosa creatura umanoide, piccola ma sommamente aggressiva, che la riduce in poltiglia sanguinolenta.

Ruth Mayer, la maestra della figlia di Frank, viene massacrata a martellate da esseri identici a quello che ha ucciso Juliana. Questo è solo l'inizio di un incubo agghiacciante, che porterà Frank a scoprire qualcosa di tremendo oltre ogni umana immaginazione: Un film assolutamente geniale e al contempo profetico. Sconvolgenti esiti di un esame autottico. La creatura mostruosa sottoposta ad autopsia presentava peculiarità incompatibili con un'origine umana. Innanzitutto gli occhi, sprovvisti di retina.

Gli stimoli visivi giungevano direttamente sul nervo ottico. L'apparato digenerente non era da meno. La lingua tumefatta impediva la deglutizione, cosicché il nano malefico non avrebbe potuto mangiare né bere nulla. Per nutrirsi si serviva di una sacca contenuta del ventre, residuo del processo di embriogenesi, che conteneva una gran quantità di nutrienti iperconcentrati affini al tuorlo d'uovo, destinati ad essere assorbiti direttamente nel circolo sanguigno.

Una volta terminato quel "combustibile", l'essere aberrante incorreva in un rapido processo di consunzione, finendo col morire all'improvviso. Non vi era traccia alcuna dell'ombelico e non esisteva neppure un abbozzo di organi genitali. Il pube era piatto e imperforato come quello di una bambola. A quanto pare mancava anche l'orifizio anale. Evidentemente l'entropia veniva smaltita tramite la pelle, facendo trasudare le scorie del metabolismo.

Seguendo le mie conoscenze di biologia, posso garantire che simili peculiarità possono essere definte soltanto come aliene. In altre parole, non siamo di fronte a un prodotto della Natura. Spiegazione della genesi della covata. Le creature sono parassitoidi. Si tratta di un'arma genetica, proprio come gli xenomorfi della serie di Alien.

Sono neomorfi a tutti gli effetti: Lo si capisce benissimo dal loro funzionamento, descritto con precisione nel film. Il contaminante genetico entra attraverso la pelle e induce la formazione di masse tumorali simili a papule e di un vero e proprio utero preternaturale, che produce senza sosta nuova covata. A differenza delle creature concepite da H. Giger e sviluppate da Ridley Scott, questi parassitoidi non sono necrogeni. L'ospite dal cui corpo si origina l'utero preternaturale non muore, ma continua a dare origine a nuove creature, con cui mantiene una sorta di contatto telepatico.

Una cosa un po' simile a questo singolare rapporto tra parassitoide e ospite esiste anche in Natura: Dettagli tecnici della xenogenesi. Il processo di xenogenesi consiste nella riscrittura del DNA dell'ospite, ossia nella sua traduzione in XNA e nella sua riorganizzazione.

Le creature neomorfe, nate dall'acido xenonucleico, attaccano qualsiasi creatura fatta di DNA naturale. Questo è un estratto della pagina del sito Xenopedia che tratta dell'accelerante genetico noto come Black Goo: Once exposed to another organism, the virus begins mutating its host by rewriting their DNA. The host becomes exceedingly aggressive and seemingly mindless as it attacks any living thing in sight.

Si noterà che questi dettagli sono stati chiariti da William Gibson per il film Covenant di Ridley Scott. Prima della meritoria opera di Gibson, semplicemente non era accessibile al pubblico alcun chiaro concetto di xenogenesi.

Quando vedemmo Alien e gli altri film della serie, ci cullammo a lungo nell'illusione: Con Prometheus ci rendemmo conto che gli xenomorfi traggono la loro origine da una contaminante genetico, ma ancora non ci era chiara la sua azione.

Non esito a dirlo. Il professor Raglan potrà anche raccontare tutte le baggianate che vuole sulla fantomatica "psicoplasmia" e sul corpo plasmato dalla mente, ma a me non inganna. Egli ha messo le mani su un bidone di patogeno fatto di DNA artificiale XNA e ha contaminato scientemente i propri pazienti.

Da dove poi abbia tratto questo bidone non lo sappiamo e non lo sapremo mai. Questi sono i misteri più avvincenti, in cui si vede la mano di un genio! La prova inconfutabile della xenogenesi sta nella natura fortemente infettiva del morbo generatore di feti aberranti. Se queste creature nascessero da un'alterazione psichica, come il malfattore Raglan vorrebbe far credere, non sarebbe possibile provocare un contagio.

Invece vediamo con la massima chiarezza che il processo germinativo contamina la figlia di Frank Carveth, Candice. Bastano queste considerazioni a spazzar via tutte le assurde spiegazioni metaforiche e fantapolitiche che tanto piacciono ai radical shit.

Negli anni '70 la Scienza non era ancora giunta a sintetizzare acidi nucleici artificiali sostituendo allo zucchero pentoso altre molecole. Eppure si ha il sentore che in realtà già si stessero effettuando esperimenti in questo senso. Non è neanche impossibile che siano già stati prodotti alcuni parassitoidi nel corso degli esperimenti, ma che siano stati eliminati con grande efficacia - o non saremmo qui a parlarne.

Non è improbabile che Cronenberg sia venuto a conoscenza di qualche porcata davvero ripugnante e che l'abbia trasfusa nei suoi film. Per altri tipi di creature parassitarie, descritte dallo stesso geniale regista, si rimanda a un altro suo film: Shivers - Il demone sotto la pelle.

A un certo punto il protagonista, sconvolto dagli orridi avvenimenti, rientra a casa e posa lo sguardo su un giornale, i cui titoli parlano dei nani maligni: Nella realtà una cosa di questo genere non accadrebbe mai. Se anche circolassero simili parassitoidi e ammazzassero molte persone nei modi più cruenti, sarebbe mantenuto uno strettissimo segreto e non si saprebbe assolutamente nulla.

Farebbero intervenire l'esercito e qualora i mostri fossero debellati - ipotesi già di per sé di un estremo ottimismo - ci sentiremmo dire: Non c'è nulla da vedere". Ricordo una strana puntata dell'esecrabile Maurizio Costanzo Show. Tra gli ospiti c'era una donna inglese chiamata Rosemary Altea, una milf che aveva fama di praticare la necromanzia: Tale era il suo senso di vuoto che era arrivata alla disperazione.

La Altea le disse subito di avvertire la presenza di un ectoplasma e lo ha descritto come "un signore di una certa età, con pochi capelli e un po' di pancetta". Che sarebbe accaduto se la ragazza fosse insorta e avesse detto tutt'altro? Certo per la sedicente sensitiva sarebbe stato a dir poco imbarazzante. Tutto è molto semplice. La Altea è una mentalista. Sa bene che la maggior parte degli uomini maturi è in sovrappeso e soffre di calvizie, o almeno di diradamento dei capelli.

Se dicesse di vedere un uomo con una chioma da rasta, la testa piena di dreadlock tanto da sembrare Medusa o Predator, avrebbe poche possibilità di indovinare. Non le andrebbe meglio se dicesse di vedere un uomo con la testa come una boccia, da far sembrare Lino Banfi come Sansone.

Il principio che usa è simile a quello del responso della Sibilla al soldato, ibis redibis non morieris in bello , interpretabile a seconda della necessità come "ibis. Se anche fosse un colossale Cicciozilla, la Altea potrebbe schermirsi affermando di aver usato una frase ironica.

Sono convinto che i mentalisti di questo genere appartengano a quella classe di esseri parassitari che hanno trovato con la loro astuzia il modo di prosperare, sfruttando le paure della gente per arricchirsi a dismisura, traendo beneficio non soltanto dalla pubblica creduloneria e dalla diffusa stupidità, ma anche dal senso di solitudine che affligge le persone disperate.

Callidi come le volpi, circuiscono i deboli, coloro che il mondo ha ferito a morte, coloro che non sono stati in grado di rialzarsi da una rovinosa caduta. Nutro per questi manipolatori il massimo disprezzo e reputo che sia molto pericoloso per una nazione permettere loro di diffondere veleno. Anche se non serve a nulla, enuncio i miei desiderata. Se avessi nelle mie mani il potere che fu di Ezzelino III da Romano, ordinerei la cattura dei plagiatori e li farei murare vivi.

Non cedette alle lusinghe narcotiche della Altea. Una ragazza giovane e avventata, che non era a conoscenza del rischio che stava correndo. Una mentalista acuta e sapiente già a quell'epoca pre-Web era in grado di scandagliare la vita di una persona, accedendo a tutto lo scibile sulla sua stirpe con mezzi davvero subdoli ed efficaci.

Figuriamoci ora che c'è la Rete! Avendo davanti la Altea non pronuncerei davvero un giuramento come quello menzionato, perché rischierei di perdere me stesso!

Meglio piuttosto la cupa certezza che avevano i Sumeri:

0 People reacted on this

Leave a Reply:

Your email address will not be published. Required fields are marked *